(ITA) Lagazuoi e Tofana di Rozes

19 Oct 2017

Ci troviamo sulle Dolomiti Ampezzane per la consueta ferrata annuale lungo i percorsi della Grande Guerra. Partendo dal Passo Falzarego risaliamo le gallerie che portano fino in cima al Lagazuoi. Lunghe gallerie che si snodano all'interno alla montagna e che furono costruite sia come via per i rifornimenti che come gallerie di mina. Dal rifugio Lagazuoi scendiamo verso la forcella Col di Bos per risalire il ghiaione sotto la Tofana di Rozes da cui inizia la Ferrata Lipella. Il primo pezzo della ferrata e' il cosiddetto Castelletto, una sorta di fortificazione naturale.

 

 

Si procede agganciati al cavo a tratti in orizzontale a tratti in verticale fino a risalire al pianoro delle Tre Dita da cui si gode di un ampio panorama sulla Valle di Travenazes. Ci rifocilliamo e pernottiamo al rifugio Giussani da dove la mattina successiva attacchiamo l'ultimo tratto della Ferrata Lipella. Siamo ad inizio settembre nel classico weekend in cui l'estate finisce e correnti fredde dall'Atlantico causano forti piogge. Verso tarda mattinata il cielo si rannuvola e finiamo la ferrata all'interno delle nubi. La stanchezza, la poca visibilità e la prospettiva della pioggia ci fanno desistere dall'attacco finale alla cima della Tofana di Rozes. Preferiamo non rischiarcela questa volta e spendere le successive 4-5 ore di cammino scendendo prima di finire sotto l'acqua.

 

Anche quest'anno il gruppo e' guidato da Andrea, CAI di Oderzo. Guglielmo e' il responsabile organizzazione e logistica mentre Milan quest'anno si improvvisa meteorologo e si dedica ad annusare il vento. Quest'anno siamo accompagnati dal Condor, alla sua prima ferrata e da Engel, amico messicano arrivato direttamente da Tijuana per vedere le Dolomiti. Abituato ad arrampicarsi su pareti verticali, per lui la ferrata e' "rilassante"

 

LE PAGELLE

 

Andrea Zanella - Guida il gruppo con la solita calma e fermezza

Mauro Cesa - Buona la prima, qualche biastema sulle pareti verticali ma regge alla grande

Engel Ruvalcaba - In scioltezza, la ferrata lo "rilassa" e sembra quasi in meditazione mentre sale

Matteo Milan - Sbaglia la preparazione fisica non allenandosi da 12 mesi, soffre la fatica ma stringe i denti

Guglielmo Biason - Organizzazione come sempre impeccabile

 

www.travelvideographers.com

 

Registrato l'8 e 9 settembre 2017

 

COLONNA SONORA

New Land by Ian Post

Crimson Sky by Gravity

Chimera Soldiers by Maxime Herve

Making Room by Caleb Etheridge

Viggo Mortensen by David Gonzalez

Memories by Sean Williams

 

Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags